Infrastrutture verdi a rilevanza ecologica e di incremento della naturalità

Bandi online

Domande dal: 01/09/2017 , ore 00:00

Scade il: 30/10/2017 , ore 00:00

Codice: RLM12020011946

Una misura di finanziamento, rivolta a proprietari di terreni in ambiti di pianura e collina, che persegue obiettivi di sviluppo territoriale e di salvaguardia e valorizzazione del sistema rurale-paesistico-ambientale.

Ente responsabile

  • Persone fisiche o giuridiche di diritto privato e persone giuridiche di diritto pubblico, proprietarie di terreni, in ambiti di pianura e collina secondo classificazione ISTAT.

    I principali requisiti essenziali per essere ammessi alla selezione sono:

    • essere proprietari dei terreni da destinare agli interventi;
    • impegnarsi a non trasformare le superfici oggetto di intervento;
    • detenere la piena disponibilità e accessibilità delle aree oggetto di intervento e la relativa cantierabilità;
    • garantire la fruizione e l’accessibilità pubblica o comunque la funzione pubblica dell’opera finanziata e senza ricavo di alcun reddito dalla gestione dell’intervento.

    beneficiari pubblici devono:

    • non esercitare attività economica derivante dal materiale legnoso eventualmente prodotto con la presente agevolazione;
    • non esercitare alcun tipo di attività commerciale che possa derivare dall'attuazione degli interventi realizzabili con la presente agevolazione (ad esempio, locazione delle aree per attività ricreative, pesca, caccia, ecc. o di non fornire essi stessi tali attività sul mercato);
    • presentare un progetto adeguato alla tipologia di intervento prescelto, firmato da un tecnico abilitato per legge.
  • Gli interventi promossi, a favore della collettività, sono di natura agroforestale e di incremento della naturalità, finalizzati ad incentivare l’infrastrutturazione verde del territorio lombardo e perseguono i seguenti obiettivi:

    • potenziamento del sistema agroforestale di connessione dei sistemi verdi con contenimento del consumo di suolo e dei fenomeni di dispersione urbana (sprawl);
    • valorizzazione delle aree rurali e degli spazi aperti con incremento della naturalità anche in relazione alla loro fruibilità e alla qualità del paesaggio;
    • potenziamento dell’infrastruttura verde del territorio anche in coerenza con le indicazioni del Piano Territoriale Regionale e del Piano Paesaggistico Regionale;
    • costruzione della rete ecologica regionale e sue declinazioni locali;
    • incremento del patrimonio forestale.
  • La dotazione finanziaria complessiva è di 4 milioni di euro.
  • Gli interventi finanziabili sono suddivisi nelle seguenti tipologie:

    da A) a D) Bosco – Sistema verde a prevalenza di bosco – Sistema verde con bosco complementare – Sistema verde lineare: spesa massima ammissibile  30.000 euro/ettaro per la realizzazione e 12.000 euro/ettaro per la manutenzione triennale;

    E) recupero della brughiera: spesa massima ammissibile 250.000 euro a progetto;

    F) ripristino di suolo fertile: spesa massima ammissibile 200.000 euro a progetto;

    G) acquisto di terreni (solo beneficiari pubblici) da destinare alla realizzazione delle tipologie di intervento di cui alle lettere precedenti: spesa massima ammissibile  200.000 euro più 1.500 euro per la spese notarili;

    H) combinazione degli interventi di cui alle lettere precedenti ( escluse B+C ed F+G)

     Le superfici minime da realizzare sono diverse a seconda della tipologia di intervento  e precisamente: 0,5 ettari per la E);  1,00 ettaro per C)- D)- G)- H); 3, 00 ettari per A) e B).

    Superficie massima ammissibile 20 ettari.

    Nessuna superficie minima è prevista per la tipologia F).


    Caratteristiche degli interventi forestali: devono essere realizzati in conformità al RR 5/2007 - Norme forestali regionali - con piante che non devono appartenere a cultivar ornamentali o sterili e devono essere prodotte con materiale della stessa “regione di provenienza” (come definite dal M.I.P.A.F.) dell'area in cui si effettua l'intervento.

    A riguardo si ricorda che il Centro Vivaistico Forestale Regionale di Curno (BG) è il vivaio della Regione Lombardia che si occupa della produzione di piante forestali autoctone certificate di provenienza locale, i cui tecnici sono a disposizione per ogni utile indicazione in ordine all’impiego del materiale vegetale.
    Maggiori informazioni sul sito web di ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste)

  • Intervento che non costituisce aiuto di stato
  • La domanda va inoltrata, dal 1 settembre 2017al 30 ottobre 2017, unicamente tramite P.E.C., alla Direzione Generale Agricoltura di Regione Lombardia all’indirizzo: agricoltura@pec.regione.lombardia.it.

    La documentazione da allegare alla domanda è specificata nel capitolo 10 del bando.

    L’istruttoria della domanda è in capo alla Direzione Generale Agricoltura che si avvale degli Uffici Territoriali Regionali – Struttura Agricoltura, foreste, caccia e pesca, competenti per territorio.

  • Valutativa a Graduatoria
  • Direzione Generale Agricoltura

    Responsabile del Procedimento: Dirigente della Unità Organizzativa Sviluppo di sistemi forestali, agricoltura di montagna, uso e tutela del suolo agricolo e politiche faunistico-venatorie

    Informazioni: Struttura Politiche Agroambientali e Uso e Tutela del Suolo Agricolo

    Agostino Marino
    email: agostino_marino@regione.lombardia.it - Tel. 02/6765.8027
    Francesco Monzani
    email: francesco_monzani@regione.lombardia.it - Tel. 02/6765.8000

     

    Riferimento BURL

    Serie Ordinaria n. 52 del 30 dicembre 2016

Allegati

Comunicazioni

Enti e operatori

14/03/2018

Graduatoria del bando infrastrutture verdi e di incremento della naturalità


Con decreto n. 3372 del 12 marzo 2018 pubblicato sul Bollettino Ufficiale Regione Lombardia (BURL) serie ordinaria n. 11 del 14 marzo 2018, sono stati approvati gli esiti istruttori e l'elenco...